La giunta Corbo può usare l’avanzo

Besnate– un ulteriore spazio finanziario concesso dal ministero dell’Economia dà la possibilità alla giunta del sindaco Giovanni Corbo di spendere 425mila euro entro il 2018. “Abbiamo ricevuto il decreto il 9 febbraio, per cui la cifra non è ancora a bilancio”, ha spiegato il primo cittadino, l’altra sera in consiglio comunale, durante l’esame e l’approvazione del previsionale.

Risultati immagini per Casa delle culture Besnate
Casa delle culture Besnate

Ci sarà dunque da fare una variazione. Nel frattempo Corbo ha informato sulla destinazione della somma, che si aggiunge a quella ricevuta l’anno scorso (525mila euro) destinata a opere pubbliche. Entrambe hanno dato un taglio significativo a quel tesoretto di oltre 3 milioni di euro, accumulato negli anni passati con gli avanzi di amministrazione e che finora non era stato possibile spendere. Anche la cifra di quest’anno va spesa esclusivamente in opere pubbliche: 250mila euro andranno alla riqualificazione degli edifici scolastici, mentre 175mila alla riqualificazione della Casa delle Culture e della biblioteca comunale e alla realizzazione di un manto sintetico nel campo da calcio a cinque. A queste si aggiunge un altro intervento, previsto in bilancio, riguardante il secondo lotto dei lavori dell’ex circolo da finanziare con la vendita dell’ex casa Eca di via per Jerago, valutata 165mila euro secondo una perizia di 10 anni fa, per cui è possibile ricavare anche di più. Camillo Luini (Indipendenti) ha precisato che l’immobile, come da Pgt, è inalienabile. “Si dovrà fare una variazione?” La risposta è stata affermativa. Quanto al bilancio, prevede la conferma di aliquote e imposte (addizionale Irpef, Imu, Tasi). Invece ci sarà un aumento della tassa sui rifiuti per i costi comunicati dal Coinger, la società che ne gestisce la raccolta e lo smaltimento, che passano dai 324mila euro del 2017 ai 434mila del 2018. Per gli utenti, un aumento dal 10 al 14 per cento. Dura l’opposizione di Giorgio Campagnolo (Lega) per Irpef, Imu, e Tasi. A suo parere un Comune che ha un grosso avanzo di amministrazione dovrebbe chiedere meno tasse ai cittadini. Giuseppe Blumetti, assessore al Bilancio, ha ribadito che ‘avanzo si può spendere solo in opere pubbliche e che per la Tasi sono esentati dal pagarla, per una decisione di questo esecutivo, anche i proprietari di seconde case. Più aspra la discussione sulla Tari, con le minoranze contrarie agli aumenti destinati a salire anche nel 2019 per l’applicazione della tariffa puntuale di bilancio.

Giuseppe Morreale

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...